Cerca  
Menu

Login
Nickname

Password


Hai perso la password?

Non sei registrato?
Fallo ora!

Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area

Museo iniziative storico-culturali

Straordinaria scoperta dopo 96 anni
 


Fra i reperti ritrovati di recente, e messi in esposizione, anche un distintivo in metallo dorato del diametro di 3 cm con inciso le iniziali di Fra
nz Joseph I che era cucito sul berretto della divisa in dotazione alla Règia Imperiale Armata fino al 1907.
Questo distintivo perso sicuramente in fase concitata di bombardamento, è stato trovato, dopo 96 anni, dall'artista e ricercatore Pietro Stefan, collaboratore del Museo e del Comitato Imprenditori Veneti “Piave 2000”, fra il terriccio e le foglie all'interno nell'Osservatorio/trincea in cima al Col della Guizza, da cui si controllava il Quartier del Piave, dalla chiesetta di Sant'Anna lungo il canalone bianco del Piave per oltre 5 km fino a Crocetta del Montello, Vidor e alle pendici del Montello dove era appostato l’esercito italiano.
Stefan, setacciando in lungo e in largo la Prima, la Seconda e la Terza Linea del Piave, non è nuovo a questi ritrovamenti di medaglie, monete, cimeli vari.
Questi luoghi nella Grande Guerra sono stati percorsi anche dall'Imperatore Carlo I d'Asburgo. Una guerra assurda voluta dall’Italia contro l’Austria con la dichiarazione di guerra del 23 maggio 1915 e terminata con l’armistizio del 1918, grazie all’impegno dell'Imperatore Carlo I d'Asburgo che è stato beatificato da Giovanni Paolo II nel 2004.

Auspichiamo che ci faccia visita il Presidente della Regione del Veneto dott. Luca Zaia per collaborare a divulgare la cultura, la storia, l'ambiente del nostro straordinario territorio e farla conoscere al mondo, con il prestito dello Spad XIII di proprietà del Comune di Vas che ha aderito all'iniziativa promossa dal Museo del Piave, di mettere in esposizione, nella zona partenze vicini negozio Ferrari, dell'aeroporto Marco Polo di Venezia, dove transitano 8 milioni di persone all'anno, come da accordi con il Presidente dott. Enrico Marchi; mentre il motore verrà dato in prestito, come già accordato, alla fondazione Fondazione Jonathan Collection - Aerei Storici Famosi presieduta dal comandante Giancarlo Zanardo per far volare, in varie aviosuperfici, la seconda copia, già in fase di costruzione, dello Spad XIII con i prestigiosi marchi della Regione del Veneto, Comune di Vas, dell’Interreg III e sponsor.
Al Museo, fino al ritorno dello Spad XIII, provvisoriamente verrà esposto un altro aereo storico di Giancarlo Zanardo.





Stampa la pagina


Invia ad un amico