Cerca  
Menu

Login
Nickname

Password


Hai perso la password?

Non sei registrato?
Fallo ora!

Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area

Catapulta a Collalto - Inaugurazione ufficiale

Comitato Imprenditori Veneti “Piave 2000”
Ponte della Priula - Susegana (TV)

COLLALTO di Susegana - Festeggiamenti in onore del Patrono San Giorgio

Domenica 21 aprile 2013

è stata inaugurata ufficialmente la
Catapulta Medievale

ideata da Diotisalvi Perin nell'anno del Signore 2012,
dopo 329 anni dall’assedio di Vienna dell’ 11 settembre 1683
in cui l'Europa cristiana fu salvata da Padre Marco d'Aviano il 12 settembre 1683

Lunghezza massima   7.300 mm.
Larghezza   2.150 mm.
Altezza max in fase di lancio   7.300 mm.
Peso con zavorra   60 q.li
Altezza colonne   3.400 mm.
Altezza min. con ribaltabile abbassato    2.200 mm.
Potenza di lancio da 30 a 500 kg.
Gittata fino a 500 mt. circa


Prendendo spunto dalle brecce sulle mura di Vienna e per ricordare i fatti dell’11 settembre 1683
il regista Renzo Martinelli ha girato il film "September eleven 1683"


Si ringrazia in primis l'artista-scultore Pietro Stefan
e collaboratori Gruppo Festeggiamenti Collalto e amici tutti

Per la costruzione della Catapulta sono stati usati materiali di fortuna e frutto di donazioni




Grande successo di pubblico, domenica 21 aprile 2013 e nei giorni successivi, a Collalto,
per la Catapulta collocata in occasione dei Festeggiamenti in onore del Patrono San Giorgio, moltissime persone si sono fermate ad ammirarla.

Di seguito in sintesi il discorso inaugurale dello storico Tarcisio Zanchetta:

… Il borgo di Collalto con il suo castello, è forse uno dei punti focali della storia
della sinistra Piave o della antica Contea di Ceneda.
 Quasi tutte le cose antiche con le nostre memorie storiche sono praticamente
state cancellate nel corso dei secoli, ma questi ruderi permangono in cima
a quel colle che era il più elevato della zona; quì si insediò uno dei primi vassalli
del Duca, Conte, Vescovo di Ceneda e questa famiglia ne prese il nome COLLALTO,
da non confondersi con quella attuale ex Conti di Treviso.
Il Conte Alberto era un esponente importante di questo Casato, lui è l'unico che è rimasto
nella storia per quel documento antico che è il suo testamento del 1138, che fece prima
della partenza per la terra Santa da cui egli è sicuramente ritornato portando con sé
le Sacre spine del Signore che ancora si conserva nella attuale chiesa di San Giorgio.
La  storia di questo personaggio è tutta racchiusa in questo manoscritto da cui il conte 
elargiva con generosità  beni alla chiesa del castello di Collalto.
Egli probabilmente è lì ancora oggi sepolto sotto quel pavimento antico, ora rifatto
come tutta la chiesa dopo la distruzione della Prima guerra mondiale, peccato che durante
la ricostruzione non si sia pensato di scoprirlo. …


La catapulta, che è armata e messa in sicurezza, resterà in mostra fino al 1° maggio 2013,
ultimo giorno dei festeggiamenti, poi verrà collocata in un magazzino,
al riparo dalle intemperie per non rovinare le parti in legno, in attesa di essere collocata
in un luogo adatto, visibile e coperto.
La catapulta, previo accordi, potrà essere esposta nelle rievocazioni storiche
del periodo medievale.
In questi giorni siamo stati contattati da due troupe cinematografiche interessate
ad avere in prestito la catapulta per girare alcune scene di attacco a delle fortezze murate
e che potrebbero essere girate proprio presso il castello di Collalto
o quello di San Salvatore a Susegana.

Vi invitiamo tutti a Collalto




Stampa la pagina


Invia ad un amico