Cerca  
Menu

Login
Nickname

Password


Hai perso la password?

Non sei registrato?
Fallo ora!

Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area

Museo a Ponte della Priula

Spett.le

Sindaco del Comune di Susegana dott.ssa Vincenza Scarpa
Piazza Martiri della Liberta, 11
31058 Susegana (TV)


Susegana, 5 aprile 2013

    Gentilissima dott.ssa Vincenza Scarpa, vengo con questa nuova lettera in quanto mercoledì u.s. è avvenuto un incontro che non mi aspettavo. Il consigliere dott. Davide Pozzobon mi ha chiesto un incontro per saperne di più sulla questione che mi riguarda del Museo della Storia e della Cultura Veneta a Ponte della Priula.
    Davide è arrivato con delle copie delle lettere da me inviateLe e relative Sue risposte chiedendo delle spiegazioni perché mi riferiva che prossimamente avrà con Lei un incontro. Chiedeva spiegazioni sul discorso del Museo a Mandre della famiglia Collalto ed io chiarii che nel nostro primo incontro in cui si discuteva della mia richiesta, circa quindici anni fa, di realizzare il Museo, io avevo frainteso, non avendomi precisato il luogo, che avevate dato l'autorizzazione al Museo ai Collalto a Mandre, già recentemente realizzato, mentre poi voi mi avete riferito che questo è nel Comune di Santa Lucia di Piave.
    Quindi Davide mi ha riferito che il vostro progetto è dato ai Collalto in un'area Museale lì vicina al parcheggio camion, strada che porta verso le piscine di Ponte della Priula e che questi, mi dice Davide, dovrebbero, a loro volta, cedermi il terreno, in vendita o comodato d'uso per cento anni, perché io realizzi il Museo.
Io sono favorevole che voi diate ai Collalto aree espositive museali ma dare ai Collalto per dire che lo date a me, veramente ce ne passa, perché né la vostra Amministrazione né la famiglia Collalto si è fatta viva col sottoscritto per segnalare questo progetto.
    Allora mi chiedo, ma qualcuno della vostra Amministrazione non sa che Perin ha una proprietà in fronte Pontebbana, nella quale chiede da anni di realizzare un Museo?
    Poi, in questa proprietà che Voi date l'autorizzazione ai Collalto, loro Vi hanno presentato un master plan?
    Fin dalla prima riunione, Vi ho sempre detto che se per ottenere un'area Museale serviva anticipare un progetto da tecnici, non ero interessato perché, come vi ho detto, il progetto sarà, probabilmente, realizzato previo un concorso di idee.
    Quello che ho sempre sostenuto è che Voi potete darmi, come è giusto che sia, delle indicazioni sulla cubatura e su certe misure da rispettare dai confini e dalla Pontebbana.
    Per quanto riguarda la viabilità, non penso servano grandi cose, non è un progetto faraonico, trattasi di collezioni private e non solo che servono per creare continuità e saranno di volta in volta rinnovate per creare interesse, ricercando oggetti storici anche da altre collezioni private e musei; per quanto riguarda eventuali arrivi di visitatori in corriera, penso non ci sia nessun problema, perché potrebbero parcheggiare nella vicina zona industriale e commerciale, abbandonata da decenni, che dista qualche decina di metri, che è quasi completamente libera anche da insediamenti industriali e che dispone di ampi parcheggi, senza andare a togliere altri spazi verdi. Pertanto io vi dico anche di valutare nel nuovo PAT se conviene tenere un territorio a destinazione industriale, vista la crisi, che è già da tanti anni abbandonato.
    La Vostra intenzione è di aver inviato Davide come messaggero nel periodo pasquale? La Vostra Amministrazione sa cosa ho sempre chiesto: indicare quella zona Museale e naturalmente portando la rotonda più piccola, se proprio deve essere fatta, nella mezzeria della Pontebbana. Ed anche qui, nell'incontro con l'ing. Maretto, abbiamo proposto uno schizzo della rotonda dove non va ad intaccare minimamente le abitazioni nella parte opposta, anzi viene molto meglio per la pista ciclabile ed anche non comporta una rotatoria ad arco disassato, pericolosa per i mezzi pesanti, quindi una rotatoria che, nella zona ex Garden, verrebbe tracciata con ingresso sulla mezzeria della proprietà. Una rotonda disassata verso di noi ci porterebbe via anche uno spazio per la costruzione, in quanto dalla Poantebbana c'è da rispettare una certa distanza.
    Se questo è uno sforzo troppo grande, se non è possibile, io capisco che ci sono delle difficoltà, e pazienza, lasciamo perdere, senza rancori.
    Alle volte mi domando se faccio bene o male a battermi per le iniziative svolte alla ricerca storica, alla salvaguardia del territorio, ai problemi del fiume Piave, all'immane stoccaggio del gas metano a Collalto, ecc. Quindi mi chiedo se la Sua Amministrazione è favorevole alle mie iniziative, e vedo che da un certo punto di vista mi date sempre il patrocinio ma poi quando Vi spedisco gli inviti, la rappresentanza dell'Amministrazione non si è quasi mai presente. Quindi diteci se qualcosa non vi garba, spiegandoci i motivi.

    Per inciso, visto che noi siamo in Via del Follo, una via che dovrebbe farvi riflettere in quanto ha portato sviluppo nella nostra zona nel periodo rurale, infatti in Via del Follo c'è un interessante manufatto che erano le ex Filande, nel complesso abitativo e produttivo dei Collalto di un tempo. Da qualche tempo questa proprietà è stata venduta e ci siamo interessati anche con i proprietari per vedere se potevano venderci il complesso delle ex Filande per realizzare il Museo. Questa struttura sarebbe molto interessante per realizzare il Museo, se non erro, un tempo era già stata oggetto di questa idea di recupero di tutto il Barco quando l'Amministrazione era guidata dal sindaco Bordignon; la risposta però è stata negativa, perché momentaneamente non sono interessati a cederla.
A Davide ho consegnato anche un opuscolo appena ristampato "Dal vapore ai motori a scoppio e diesel" perché sia messo a disposizione della vostra Biblioteca, nel quale è citato anche l'argomento del Museo (se servono altre copie, basta chiedere).
    Alla fine dell'incontro, e da quanto si è discusso, ho capito che Davide è partecipe della vostra Amministrazione e quindi ritengo che siete in una botte di ferro perché in paese dicono che a Susegana non ci sia opposizione. Però mancano nuove iniziative come, ad esempio, ristrutturare le mura storiche, fronte viabilità, del Castello di Collalto. Collalto è un paese un po' decadente, un pessimo biglietto da visita per chi arriva attirati anche delle iniziative del Comitato Festeggiamenti Collalto; un degrado notato anche da chi ci abita e per questo alcune persone stanno pensando di trasferirsi in un altro paese.
    Il degrado era stato denunciato anche ne La Tribuna di qualche tempo fa dal giornalista Antonio Menegon, ma nessun intervento è stato fatto e tutto giace nell'oblio.
    Si è pensato, però, di mettere un cartello limitatore della velocità quasi fuori dell'abitato, quindi si prega di metterne uno nei sensi opposti all'entrata del centro abitato.

    Colgo l'occasione per invitarLa all'anteprima del film di Renzo Martinelli "11 settembre 1683", che si svolge a Pordenone all'UCI Cinemas Fiume Veneto giovedì 11 aprile 2013 alle ore 20.15, saranno presenti gli attori Enrico Loverso e Federica Martinelli. Questo film  è frutto di una mia iniziativa sul cappuccino Marco d'Aviano.
    L'invito è riservato a Lei e famigliari, da confermare entro le ore 10.00 di lunedì 8 aprile (alleghiamo invito).
    Approfitto anche per chiederLe il patrocinio, e La invito, per l'inaugurazione della catapulta ricostruita, su mio progetto di ricerca storica, con la collaborazione dello scultore Pietro Stefan per il giorno  21 aprile 2013, in occasione dei festeggiamenti di San Giorgio.

    Porgo distinti saluti.
Diotisalvi Perin






Stampa la pagina


Invia ad un amico