Cerca  
Menu

Login
Nickname

Password


Hai perso la password?

Non sei registrato?
Fallo ora!

Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area

Ricorso al Tar del Lazio - Stoccaggio gas a Collalto

Documentazione relativa al ricorso di Daniele Cenedese
contro il potenziamento del deposito di gas naturale in Comune di Susegana

- Sintesi -

Nota riguardante il verbale n. 3 della Commissione Comunale impianto stoccaggio gas Collalto (seduta del 12 settembre 2007)

- Egregio Sig. Sindaco G. Montesel
- Membri della Commissione Stoccaggio Collalto

Le affermazioni conclusive del mio intervento riportato a fine verbale, potrebbero dare adito a fraintendimenti, chiarisco pertanto il senso delle mie parole. La frase “ora il consiglio comunale può decidere” può essere interpretata sia come: Marcellini sottintende che il consiglio comunale può dare parere favorevole oppure l’esatto contrario.
Niente di tutto questo, ciò che io intendevo dire è: abbiamo oramai raccolto elementi sufficienti per esprimere un parere.
Comincio con il dire che, anche se la commissione è “mista”, cioè fatta da politici e esperti, i compiti primari rimangono pur sempre diversi. Agli esperti spetta mettere in luce tutti gli elementi che permettano ai politici di compiere la scelta migliore.
Credo che gli esperti abbiano fatto quanto di loro competenza. Dopo i trionfalistici esordi della prima riunione da parte Edison, è emerso che il rischio sismico non era stato valutato con la necessaria accuratezza scientifica.
(...)

Arrivo al nocciolo: il rischio sismico elevato è stato evidenziato, a questo punto i responsabili politici (vedi il mio rimando al Consiglio Comunale) possono decidere di assumersi questo rischio perché la contropartita viene giudicata congrua o per altre motivazioni.
Per quanto mi riguarda non faccio parte di chi deve decidere, tuttavia poiché da tempo mi occupo di problemi di rischio sismico e ho pure una certa reputazione internazionale da difendere devo dire che non ho ritenuto sufficienti gli argomenti addotti a supporto di un parere favorevole, anzi francamente non solo non sono di parere favorevole all’aumento delle capacità dell’impianto, ma addirittura alla presenza stessa dell’impianto di stoccaggio. Anche se chiaramente so che il mio è solo un parere e non è decisivo, ho lungamente riflettuto. Non solo, constatato che la tematica della sismicità indotta è tuttora argomento molto dibattuto in campo scientifico (nel senso che dobbiamo ammettere di saperne poi: è già difficile valutare i terremoti di origine naturale, come ha sostenuto il Prof. Mulargia) mi sono rivolto a uno dei massimi esperti internazionali: il Prof. P. Segall della Stanford University (CA).
(...)

Cordiali saluti
Prof. Alberto Marcellini
(...)

Il testo completo (di 4 facciate) sarà pubblicato in futuro.



- Sintesi -

Milano, 28 gennaio 2008

Raccomandata A.R.

Al Signor Sindaco del Comune di Susegana

p.c.:

- Ai membri della Commissione comunale impianto stoccaggio gas Collalto

Matteo Bardin

Gianni De Stefani

Giovanni Favaro

Vincenzo Picotti

Carlo Alberto Masoli

Maria Angela Rizzi

Al Responsabile dell’Area Lavori Pubblici
Francesco De Leo
Comune di Susegana

Oggetto: dimissioni da membro della Commissione Comunale impianto stoccaggio gas Collalto

Egregio Signor Sindaco e Colleghi membri della Commissione comunale impianto stoccaggio gas Collalto,
    come già ho sostenuto nell’ultima riunione a cui ho partecipato e ribadito nella mia ultima mail ritengo che la Commissione abbia esaurito il suo compito, nel senso che oramai ci troviamo di fronte a opinioni cristallizzate. Debbo dire che sin dall’inizio dei lavori la mia impressione non è stata quella di trovarmi in un consesso che operasse all’unisono per valutare nel modo migliore la sicurezza del deposito, obiettivo ufficiale della Commissione. Ho avuto piuttosto l’impressione di trovarmi di fronte a due posizioni precostituite: i favorevoli e i contrari all’ampliamento. Insomma più che all’approfondimento delle indagini vi era l’interesse di ricevere supporto alla propria precostituita tesi.
    Non è l’humus migliore per far lavorare gli esperti, ho tuttavia ritenuto che con qualche sforzo si potessero comunque fare passi avanti sul tema del miglioramento della sicurezza. In effetti qualcosa si è fatto. Un esempio è stato il monitoraggio sismico con uno studio di fattibilità affidato a un prestigioso istituto di ricerca. Positivo che tutta la commissione fosse d’accordo e che la stessa Edison avesse fatto propria la proposta.
    Dal mio punto di vista l’installazione di una rete sismica dedicata è una condizione necessaria ma non sufficiente.
    Servono alcune precisazioni.

Sismicità indotta (...)

Rilevanza della sismicità indotta (...)

Pericolosità naturale (...)

Rischi da pericolosità naturale (...)

(...)

Cordiali saluti
Prof. Alberto Marcellini


Il testo completo (di 3 facciate) sarà pubblicato in futuro.

In allegato:


Stampa la pagina


Invia ad un amico